Grazie anche a Telenorba la Puglia oggi è migliore

luglio 3, 2009

Puglia è Basilicata fino a vent’anni fa erano due regioni sottosviluppate in confronto al nord industrializzato. Agricoltura e poche, davvero poche industrie erano le uniche attività economiche delle regioni. Grazie alle (all’ora) piccole emittenti televisive locali, come per l’appunto Telenorba, il progresso e il commercio sono certamente evoluti in questi due decenni. Ovviamente si può ancora – anzi, SI DEVE – fare di più!

Questa è la pubblicità istituzionale di Telenorba per promuovere la pubblicità e dunque il progresso nelle due regioni.

…solo per nostalgici…

Annunci

Il Cinema oltrepassa ogni barriera – Cinema overcomes all barriers

giugno 21, 2009

Nell’ultima settimana tra le piazze di Pesaro, Rimini e infine Fano, due studenti dei corsi di laurea in comunicazione e pubblicità dell’Università di Urbino (sede di Pesaro) hanno messo in scena la barriera – un muro – che separa il popolo Israeliano e quello Palestinese mediante una performance di strada. Ibrido tra un’istallazione scenografica e un tocco di teatralità dei due ragazzi, gli autori-attori hanno voluto interpretare, tramite una pellicola che attraversa il muro,  la capacità del cinema di oltrepassare le barriere che ostacolano la fratellanza tra i popoli, attirando l’attenzione dei passanti.

L’azione della “COLONIA della comunicazione”, così si chiama l’agenzia-laboratorio dei corsi di laurea, è collegata a un evento importante che si tiene questi giorni (21 –29 giugno) a Pesaro:  la “45a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema” – Pesaro Film Festival. Il tema della performance, un ottimo esempio di marketing non convenzionale e sovversivo, è stato scelto per la concomitanza di un’ampia rassegna sul nuovo cinema isreaeliano.
www.pesarofilmfest.it

Altre immagini su flickr e ancora su flickr

Concept & Performance:
Andrea Scarpiello
Nicola Pretolani

Direzione creativa:
Marco Livi


What a wonderful brand

maggio 14, 2009

Dopo il recente viaggio in terra inglese una grande scoperta:il mio migliore amico con entusiasmo paragonabile solo a quello scaturito dalla promozione in A del Bari mi dice “Oh devi perforza assaggiare questi”.

Nasce così un amore!

Innocent Drinks che meraviglia: frullati o drinks 100% naturali, con pezzettoni di frutta. Ideati da due IDOLI stanchi delle solite porcherie hanno creato un brand eco-bio-fico!

La altissima qualità non è l’unico pregio di questa marca di dissetanti e nutrienti bevande; varrebbe la pena comperarli solo per il pakagin: un tetrapack semplice, simpatico e pieno zeppo di comunicazione o meglio come piace chiamarla a noi true communication.

Presenti da qualche tempo – a quanto ho saputo – anche nei McDonalds, sono l’unico vero segno di redenzione della poco bio-eco-fica catena di fastfood americana…chissà che ne possano mutare le sorti!

Qui il sito per capire meglio quanto wonderful sia questo brand.


Eco Honda Insight

aprile 11, 2009

Honda lancia sul mercato italiano ad un prezzo molto competitivo la piccola Insight con sistema ibrido di alimentazione. L’azienda automobilistica è stata tra le prime nel settore alla ricerca di soluzioni meno inquinanti possibile e tendenti all’ecologia sviluppando sistemi di alimentazione alternativi e sostenibili.

Già solo per questo motivo…IDOLI!

In oltre lo spot è davvero bello.


Il camaleonte virale di Rayban

aprile 1, 2009

Rayban lancia il nuovo filamato viral per la sua ultima campagna di occhiali coloratissimi. Protagonista un camaleonte con dei super poteri di mimetizzazione!


In Obama we trust

marzo 17, 2009

La domanda che tutti si sono fatti quando il nuovo sogno americano ha avuto inizio è stata: Obama manterö le promesse?

Chi pensa che Obama sia un’ illusione, è una persona che non ha la minima capacità di sognare.

Il neo presidente americano sta mantenendo le promesse e lo dimostrano i sondaggi che urlano un’indice di approvazione pari al 68%, Reagan e Kennedy sono altra storia…

E’ incredibile come un risultato del genere coincida con un periodo drammatico per gli U.S.A, ma la crisi economica e il tasso di disoccupazione ( superiore al15%) ereditato dal governo Bush non hanno influenzato negativamente l’opinione pubblica.

Non dovrebbe essere una notizia ma le promesse elettorali sono state mantenute , cosa a cui non siamo mai stati abituati!

Barack Obama ha preso i poteri il 20 gennaio, il sito politifact.com sta monitorando da allora le promesse fatte durante la campagna elettorale, e di giorno in giorno il database viene aggiornato in base ai progressi.

Fino a oggi il risultato è sorprendente: su 510 promesse, 16 sono giö state mantenute; ad altre 38 si stanno dedicando attualmente; 7 sono scese a compromessi; 2 in fase di stallo.

La voce che corrisponde alle manovre ancora in corsa rappresenta tutte quelle manovre complesse che non possono essere attuate in una notte come la chiusura del lager di Guantanamo, ma che certamente verranno attuate.

120.000.000.000 $ per lo sviluppo e la manutenzione di ponti, strade e ferrovie, altri 10 miliardi per la rete elettrica; il 22 gennaio firma l’ ordine esecutivo che vieta l’uso della tortura e degli interrogatori violenti anche per crimine terroristico; ha liquidato l’arretrato ereditato da Bush di indenizzi vari e pensioni di guerra; stanziati 100 miliardi di dollari per l’educazione (asili scuola college), rivedendo gli organici per evitare che i docenti meno qualificati si ammucchiassero nelle cittö periferiche più povere; ha rimosso il segreto di stato da tutti i documenti;10 miliardi all’ anno per 5 anni allo scopo do digitalizzare le cartelle cliniche e le informazioni sanitarie di ogni paziente;10 miliardi di dollari per la ricerca scientifica inclusi nel pacchetto antirecessione e 2 miliardi destinati alla ricerca di base;

Ricordiamo come il mitico George W. Bush fino all’11 settembre 2001 non firma mezza riga (dopo quasi un anno dall’insediamento), costruendo una guerra dopo l’altra negli anni successivi!

Speriamo solo che la popolarità che ha ora, aiuti il neopresidente ad avere la forza di prendere decisioni ancora più coraggiose e importanti per il futuro di tutti.

Si tu puoi! anche se ti sono subito venuti i capelli bianchi…


La salute viaggia senza passaporto

marzo 10, 2009

Medici per i diritti umani prende una posizione chiara riguardo l’emendamento del Pdl nei confronti dei medici di denunciare gli extracomunitari clandestini che si presentano nelle strutture ospedaliere. Il rischio di questo emendamento è che quei clandestini che necessitano di cure non si rechino poi nelle strutture con il rischio di essere poi cacciati nel loro paese.

Questo è il manifesto scaricabile dal sito della MEDU, dal quale si può anche aderire all’iniziativa.