Wikileaks. Non sono chiacchiere da bar.

Ecco ancora una volta una splendida dimostrazione della potenza della rete.

Con Wikileaks si apre uno scenario che farà scalpore per i prossimi giorni, sono stati pubblicati quasi 300.000 documenti riservati della diplomazia americana, non si parla di una stupida casa di Montecarlo ma di contenuti segreti fino ad oggi. In poche parole grazie al contributo di http://wikileaks.org/ possiamo osservare il Governo degli Stati Uniti d’America ai raggi x. Sono a disposizione di tutti gli utenti di Internet i registri e le relazioni governative sulla guerra e sulla politica mondiale. Le conseguenze saranno notevoli, mentre il popolo della rete potrà godere di una fantastica trasparenza a Washington dovranno fare i conti con i rapporti diplomatici internazionali e le personalità politiche coinvolte (Putin, Berlusconi, Gheddafi, Merkel ecc..).Insomma abbiamo davanti ai nostri occhi uno dei più grandi sputtanamenti di sempre.

In un file si leggono colloqui confidenziali tra funzionari politici degli Stati Uniti d’America e Emirati Arabi Uniti che parlano di una strategia per arrivare ad una rapida guerra con l’Iran come unica alternativa alla prospettiva di un conflitto nucleare.

Un documento sottolinea l’incapacità  degli Stati Uniti nell’evitare che la Siria fornisca armi a Hezbollah in Libano. Dopo anni e anni di guerre nel Medio Oriente in nome della democrazia e del disarmo non è proprio il massimo.

I rapporti top secret americani svelano un rapporto tra Putin e Berlusconi che va oltre la diplomazia, con contatti e contratti che destano sospetti importanti.Il governo americano ha mandato un agente governativo (tale Elizabeth Dibble) per osservare la situazione politica in Italia.Il presidente Berlusconi è stato definito come un politico incapace e inefficace nel governare l’Italia. La nota parte da un analisi politica e non si limita a dare un giudizio in conseguenza degli scandali nei quali il presidente è coinvolto.

Altra nota di cui il sito si fa portavoce è la guerra informatica tra Cina e Usa. Si parla di una campagna di sabotaggio informatico coordinata da agenti governativi e hacker informatici. La guerra informatica nel 2002 porta ad un’intrusione nel sistema informatico di Google.In seguito questa campagna ha colpito il sistema informatico del governo degli Stati Uniti d’America e di alcune altre potenze occidentali.

Per non parlare dei detenuti di Guantanamo usati come merce di scambio con gli alleati minori: in Slovenia è stato barattato un detenuto per una visita del presidente Obama, mentre all’isola di Kiribati per ottenere incentivi milionari hanno ricevuto in cambio alcuni detenuti.


Dal 18 Novembre non si hanno notizie del fondatore di Wikileaks, Julian Assange.

 

Si parla di questo ed altro ma la cosa più importante è che per la prima volta abbiamo una percezione reale della politica mondiale.

 

Annunci

One Response to Wikileaks. Non sono chiacchiere da bar.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: